Menu Chiudi

rammendo e refashion

tutor: managa
nel tuo armadio c’è un abito da tanto tempo.
va ripensato per i tuoi nuovi gusti, va adattato a bisogni che prima non avevi.
va smontato e rimontato!

oppure c’è un abito da rammendare.
vuole cure, ti piace ancora. ma rammendare è un’arte sottile, fatta di pazienza e tecnica!

in ogni caso, tira tutto fuori dal cassetto e portalo a lofoio!

regole di ingaggio

il primo incontro di orientamento è gratuito,
prenotazione consigliata ma non obbligatoria.
il tesseramento è facoltativo. niente costi, nessun impegno!
nel primo incontro porterai l’oggetto da riparare (o tante foto).
definiremo il problema, le possibili soluzioni e deciderai se affrontarlo.
se servono dei materiali, compileremo insieme una lista di acquisti e ti orienteremo su dove farli.
poi prenoterai il prossimo incontro.

il secondo incontro è a pagamento e su prenotazione.
quota minima: 38 euro, tessera e materiali esclusi.

ma ne vale la pena?

stazione riparante è assistenza esperta nell’autoriparazione.
tutti i trucchi necessari ti verranno insegnati. tenterai col nostro aiuto di riparare o trasformare l’oggetto.
l’esito non è garantito ma il divertimento sì!
mettici tutto il tempo che serve… e non abbandonare a lofoio la cassetta che ti verrà assegnata.

chi è managa?

all’anagrafe beatrice sabeddu, classe 1991, è un’eclettica designer di moda artigianale.

le inconfondibili origini sarde hanno dato origine anche al nome d’arte “managa”, che si usa per indicare una persona maldestra e imbranata… un po’ per esorcizzare e sdrammatizzare le capacità creative della signorina in questione.

grazie agli studi indirizzati nel settore moda già dal liceo, al diploma di laurea triennale in fashion design conseguito all’accademia italiana, alle esperienze lavorative in studi di stilisti e aziende di produzione abbigliamento di lusso, al design e realizzazione di costumi di scena per produzioni cinematografiche, managa cerca da sempre la sua strada personale indipendente. la moda per lei è un mezzo di comunicazione prima che essere un semplice bene materiale di massa.

il potere dell’abbigliamento e delle emozioni che può trasmettere l’ha sempre attratta sin da piccola, insieme alla grande passione per il disegno.

la stessa passione l’ha avvicinata anche al mondo dei tatuaggi.
attraverso il tattoo managa rinnova il suo amore per il ricamo manuale, e così dà vita a simboli e disegni dello stile traditional, realizzandoli con ago e filo su stoffa come facevano le nostre nonne.

accanto a questo, molti altri progetti personali fra cui quello di refashion, ricamatrice, selezionatrice e appassionata di abbigliamento e oggettistica vintage, rammendo. per lei, lofoio è parte integrante della formazione artigianale e artistica, trampolino di lancio per l’acquisizione della fiducia in sé stessa.

insomma, come tutti gli smanettoni managa deve avere sempre qualcosa da fare tra le mani altrimenti le manca l’aria, come un pesce fuor d’acqua. sempre devota a sant’arrangiati, si cimenta nella stazione riparante per trasmettere un po’ di questa devozione e anche la possibilità di sbagliare, perché come dice lei, “si può sbagliare e riprovare, non importa se qualcosa non viene bene subito. l’importante è averlo fatto, e averlo fatto con cura.

“fare o non fare, non c’è provare “
(maestro yoda)